Associazioni: mazzate e contro mazzate

Le vicende socio economiche del nostro paese, sono ormai note alla maggior parte del paese e che vedono alla ribalta spesso le aziende profit di media e piccola grandezza che giustamente denunciano le inadempienze nei pagamenti di molte strutture pubbliche. Ma l’opinione pubblica e sopratutto la politica, sembra non consideri chi come  lavora nel sociale e si renda conto che la stessa situazione critica, la vivono anche le organizzazioni no profit che sempre per la stessa situazione critica, da mesi e addirittura anni, non riscuotono i dovuti compensi. Situazione che rischia di mettere in crisi migliaia di associazioni che, insieme alla famiglia, tengono in piedi il welfare nostrano. Si arriva all’assurdo che si pretendono gli stessi standard di ore di servizio e assistenza. nelle RSA si tagliano i pagamenti delle quote Alzheimer. Si deve pagare, giustamente le tasse, ma non arrivano i pagamenti stabiliti anche nelle convenzioni come l’adeguamento delle rette in base all’aumento dell’inflazione. Una situazione che coinvolge molta parte del Terzo Settore e che  a molti pare sfuggire. Non si può pretendere che gli enti no profit vadano avanti con il 5 x mille (guerra tra poveri) spesso appannaggio delle Organizzazioni  più grandi e spesso molto meglio organizzate di quelle più piccole. La cosa sicura è solo quella che al momento del bisogno urgente, bussano alla porta Assistenti Sociali e Sindaci; vediamoci di metterci daccordo !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...